Bambini poveri mangiano nel corridoio isolati. L’assessore alle Politiche Sociali della Regione Piemonte Chiara Caucino è indignata.

Bambini poveri mangiano nel corridoio isolati

“A Milano in una scuola primaria, apprendo dalla stampa, dei bambini in condizione di disagio economico sono costretti a mangiare nel corridoio, isolati dai loro compagni.” L’Assessore Chiara Caucino alle Politiche Sociali della Regione Piemonte raccoglie con rabbia e stupore la notizia: “È profondamente indegno e lesivo dei diritti dell’infanzia, dei bambini la cui sorte mi sta particolarmente a cuore, che si possa trattare così un minore.”

“Non deve succedere più”

Il caso nasce da una scelta genitoriale di rinunciare al servizio di refettorio, preparando il pranzo da casa per i loro figli. La Cassazione ha recentemente stabilito che il pranzo al sacco non sia un diritto, ma un’opzione lasciata all’autonomia decisionale dei presidi: “Auspico che situazioni del genere non capitino mai più, nessuna sentenza o burocrate potrà mai mettere in discussione il benessere dei nostri figli.”

Leggi anche:  Filippi: "Il futuro è Renzi". Lascia il Pd ed entra in Italia Viva