Per le famiglie numerose, con almeno tre figli minori e con patrimoni e redditi limitati, è previsto dai Comuni un assegno per il nucleo familiare come forma di sostegno economico.

Chi può richiedere l’assegno per famiglie numerose

A differenza dell’assegno al nucleo familiare riconosciuto dall’Inps ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, il trattamento di famiglia in questione venne introdotto dal 1998 e possono richiederlo i cittadini italiani, i cittadini comunitari ed extracomunitari titolari dello status di rifugiato, dello status di protezione sussidiaria titolari di permesso di soggiorno di lungo periodo.

Requisiti

L’importo di 144,42 euro, nella misura intera per l’anno 2019, viene concesso dal Comune di residenza ed erogato dall’Inps per tredici mensilità in presenza delle seguenti condizioni:

  • il nucleo familiare deve essere composto da almeno un genitore e tre figli minori, appartenenti alla stessa famiglia anagrafica, che siano figli del richiedente o del coniuge o da essi ricevuti in affidamento preadottivo. Il requisito non è soddisfatto se uno dei tre figli minori, anche se iscritto nella famiglia anagrafica del richiedente, si trova in affidamento presso terzi;
  • il valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) del nucleo familiare richiedente deve essere entro 8.745,26 euro (valore per l’anno 2019).

L’assegno viene riconosciuto dal 1° gennaio dell’anno in cui si verificano le condizioni richieste, salvo che il terzo figlio nasca nel corso dell’anno: in questo caso l’assegno spetta dal primo giorno del mese in cui il requisito viene soddisfatto.

Dove presentare la domanda

La domanda va presentata al proprio Comune di residenza entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento, allegando una dichiarazione sostitutiva unica (DSU) in corso di validità. L’assegno non è imponibile fiscalmente ed è totalmente cumulabile con analoghe prestazioni erogate dagli enti locali o dall’Inps.

Leggi anche:  Accordo Pernigotti: le reazioni dei politici

Il Comune verificata la presenza di tutti i requisiti richiesti, darà mandato di pagamento all’Inps che provvederà all’erogazione con cadenza semestrale posticipata. Il diritto a beneficiare dell’assegno per il nucleo familiare numeroso termina dal 1° gennaio dell’anno in cui viene a mancare il requisito economico, e dal primo giorno del mese successivo a quello in cui non si verifica il requisito della composizione del nucleo.

Sedi Patronato ACLI

Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria
Tel. 0131/25.10.91 – Cell. 333.29.94.285

Via Mameli, 65 -15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/41.87.11 – Cell. 366.54.93.82

Via Emilia 244 -15057 Tortona
Tel. 0131/81.21.91 – Cell. 333.29.94.285

Via P. Isola 54/56 -15067 Novi Ligure
Tel. 0143/74.66.97 – Cell. 331.57.46.362

c/o Comunità Parrocchiale Via Pellizari 1 -15048 Valenza
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Via Nizza 60/B – 15011 Acqui Terme
Tel. 349.97.54.687

 

Per maggior informazioni: 

PATRONATO ACLI – CAF ACLI Sede Provinciale di Alessandria

Via Faà di Bruno 79  -15121 – ALESSANDRIA, Tel. 0131/25.10.91 Fax 0131/26.41.71

www.patronato.acli.it – www.caf.acli.it – www.aclialessandria.it

 

 

LEGGI ANCHE: