Quargnento prende le distanze da Giovanni Vincenti, il reo confesso  proprietario della cascina esplosa che ha causato la morte dei tre Vigili del fuoco.

Nessun legame con il paese

Non aveva mai stretto legami con il paese, sia quando vi abitava, sia dopo il suo “arrivederci” alla comunità. I rapporti non sono mai stati buoni, non legava con nessuno e nessun membro della sua famiglia aveva mai stretto amicizia con nessun abitante di Quargnento. Qualcosa di più di riservatezza. Ora il Comune si costituirà parte civile in sede giudiziara.

Forti sospetti fin da subito

La comunità di Quargnento aveva avuto subito seri dubbi sull’estraneità di Vincenti a quanto successo la scorsa settimana. Rapporto difficile, quello con il paese anche quando era operativo il maneggio che aveva aperto alcuni anni fa. Quargnento è un comune di circa 1400 abitanti nel quale oltre all’abitato vede presenti sul territorio molte cascine sparse, costruite per lo sfruttamento agricolo delle terre.

Leggi anche:  Tensione nel cantiere Tav, lanci di sassi e bombe carta IL VIDEO

 

LEGGI ANCHE. Vigili del fuoco morti a Quargnento: il proprietario di casa ha confessato

LEGGI ANCHE: Tragedia Quargnento, il procuratore: “Chi ha ucciso era consapevole

LEGGI ANCHE: Tragedia di Quargnento, chi sono i Vigili del fuoco morti. Il premier Conte: “Eroi in prima linea

LEGGI ANCHE: L’ultimo abbraccio agli eroi di Quargnento

LEGGI ANCHE: Il procuratore: “Il proprietario della cascina era entrato in casa il pomeriggio prima dell’esplosione” VIDEO

LEGGI ANCHE: Trovati timer e inneschi nella cascina della tragedia a Quargnento

LEGGI ANCHE: Due esplosioni e crolla una casa, morti tre Vigili del fuoco

LEGGI ANCHE: Fiori in Brianza davanti alla Caserma dei Vigili del Fuoco per i tre pompieri morti ad Alessandria