Operazione antidroga dei Carabinieri della stazione di Rivalta Bormida con personale del Nucleo Operativo della Compagnia di Acqui Terme.

Non voleva uscire

Sulle tracce di un minorenne italo-marocchino sul quale pendeva  un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica dei Minori di Torino, in quanto protagonista di una serie di reati contro il patrimonio, lo hanno individuato all’interno di un appartamento del centro di Acqui Terme, dal quale, nonostante i ripetuti inviti ad aprire la porta, non aveva intenzione di uscire. I Carabinieri hanno attuato uno stratagemma e, aiutati dai Vigili del Fuoco  sono saliti con un’autoscala sul balcone del terzo piano dell’abitazione, riuscendo a entrare da una portafinestra lasciata aperta.

I panetti nel bucato

Nel corso della perquisizione, all’interno della lavatrice insieme ai panni lavati, hanno gtrovato una busta sigillata con all’interno sette panetti di hashish, del peso complessivo di oltre unchilogrammo. Identificati due marocchini, M.M. e Z.M., di 47 e 27 anni e un italiano, T.E., di 19, arrestati per il reato di detenzione ai fini di spaccio. I due marocchini sono stati condotti presso il carcere di Alessandria mentre per l’italiano il Pubblico Ministero ha disposto la sottoposizione agli arresti domiciliari. Il minorenne invece,  è stato accompagnato presso l’istituto “Ferrante Apporti” di Torino.