I consigli per non sprecare acqua non sono mai abbastanza. Ecco allora come fare per cercare di razionalizzare l’utilizzo di acqua, riducendone gli sprechi. Iniziamo dai miscelatori d’aria che nei rubinetti e nelle docce riducono il consumo d’acqua senza modificare le abitudini. Chi usa il getto d’acqua non percepisce alcuna differenza ma si arriva a risparmiare quasi la metà dell’acqua utilizzata. E poi c’è l’acqua piovana. Può essere raccolta e incanalata dalla grondaia verso il proprio giardino o in cisterne di raccolta per consentire un utilizzo successivo. L’acqua piovana è gratuita: usarla con razionalità equivale a risparmiare l’acqua degli acquedotti e molti euro sulla bolletta. E l’acqua per innaffiare? Potrete innaffiare le piante del terrazzo usando l’acqua già utilizzata per lavare la frutta e la verdura. E’ sufficiente raccoglierla in una bacinella nel lavabo ed utilizzarla dopo aver sciacquato la verdura.

Consigli per non sprecare acqua

Occhio poi all’impianto idrico domestico. Un periodico controllo della sua tenuta è fondamentale. Basta controllare il contatore dell’acqua nel momento in cui tutti i rubinetti sono chiusi. Se continua a girare è probabile che ci sia una perdita da qualche parte. Preferire la doccia: fa risparmiare gas, ma anche acqua. Per riempire una vasca sono necessari 100 litri d’acqua mentre per una doccia il consumo d’acqua è pari circa alla metà. Eco-lavaggio dei denti: mettete il dentifricio sullo spazzolino, inumiditelo con un filo d’acqua e spazzolate. Riaprite il rubinetto solo nel momento in cui procederete al risciacquo dei denti. E poi eco-rasatura della barba. Come sopra: aprite il rubinetto solo quando è indispensabile. Attenzione alle stoviglie. Se volete dimostrare sensibilità utilizzate una vaschetta dove insaponerete le stoviglie. Per il risciacquo è sufficiente utilizzare un debole getto d’acqua.

Leggi anche:  Efficienza energetica degli edifici, serve un involucro di qualità

Dalle mani alle bottiglie

Per una buona pulizia delle mani è soprattutto necessaria una buona perizia nell’insaponarsi le mani. Aprite il rubinetto una prima volta per bagnare le mani e il sapone, poi richiuderlo. Dopo aver insaponato le mani, per 1-2 minuti, riaprite il getto d’acqua solo per risciacquarle. Il risparmio d’acqua, anche in questo caso, è assicurato.No all’acqua in bottiglia. Una famiglia di 4 persone beve circa 1314 bottiglie di acqua all’anno (meno di un litro di acqua al giorno a persona). Se questa bevesse acqua del rubinetto, avrebbe un risparmio di circa 400 euro, non avrebbe 13kg di plastica da smaltire, non verrebbero immessi nell’aria 78 kg di CO2 e le aziende di produzione del PET non consumerebbero 43 kg di petrolio. Se a questi si aggiunge il quantitativo rilasciato dal trasporto per averle sopra la tavola i numeri diventano incredibili.