In passato per andare in pensione le donne avevano poca scelta tra pensione di anzianità e pensione di vecchiaia, ora la legge permette alle lavoratrici di avere più scelte. Le possibilità tra cui scegliere sono: Opzione Donna, Pensione anticipata di anzianità, Pensione anticipata di anzianità APe sociale, Pensione di vecchiaia.

Requisiti per andare in pensione con Opzione Donna

Oggi ci soffermiamo ad analizzare l’Opzione Donna che può essere utilizzata da tutte le lavoratrici sia del settore pubblico che del settore privato compreso il settore autonomo. Sono escluse le lavoratrici iscritte alla sola “gestione separata”, anche se i contributi versati in questa gestione possono comunque essere cumulati agli altri contributi necessari per arrivare all’anzianità dei 35 anni di contribuzione.

Per andare in pensione con Opzione Donna bisogna avere 58 anni di età per le dipendenti e 59 anni per le autonome, oltre a 35 anni di contributi, obbligatori e figurativi, per le lavoratrici dipendenti del settore privato non valgono i periodi di infortunio e malattia. Il termine è entro il 31 dicembre 2018 ma, attenzione, la pensione non decorre immediatamente dal momento in cui sussistono i due requisiti anagrafico e contributivo, bensì 12 mesi dopo il loro perfezionamento per le lavoratrici dipendenti e 18 mesi per le lavoratrici autonome.

In pratica, avendo il requisito contributivo al 31 dicembre 2018, possono andare in pensione le lavoratrici dipendenti nate entro il 31 dicembre 1960 e le autonome nate entro il 31 dicembre 1959.

Leggi anche:  Fiabe lette dalle drag queen ai bimbi. Cuttica: "Evento del tutto estraneo al programma di AL Pride"

L’ultima “finestra” utile per andare in pensione sarà il 1° gennaio 2020 per le dipendenti e il 1° luglio 2020 per le autonome.
La pensione con Opzione Donna è calcolata con il “sistema contributivo”: rispetto alle pensioni calcolate con il “sistema misto”, retributivo e contributivo, l’importo generalmente è inferiore di circa il 30%. Il primo passo è informarsi ed essere consapevoli per fare la miglior scelta.

Sedi Patronato ACLI

Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria
Tel. 0131/25.10.91 – Cell. 333.29.94.285

Via Mameli, 65 -15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/41.87.11 – Cell. 366.54.93.82

Via Emilia 244 -15057 Tortona
Tel. 0131/81.21.91 – Cell. 333.29.94.285

Via P. Isola 54/56 -15067 Novi Ligure
Tel. 0143/74.66.97 – Cell. 331.57.46.362

c/o Comunità Parrocchiale Via Pellizari 1 -15048 Valenza
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Via Nizza 60/B – 15011 Acqui Terme
Tel. 349.97.54.687

 

Per maggior informazioni: 

PATRONATO ACLI – CAF ACLI Sede Provinciale di Alessandria

Via Faà di Bruno 79  -15121 – ALESSANDRIA, Tel. 0131/25.10.91 Fax 0131/26.41.71

www.patronato.acli.it – www.caf.acli.it – www.aclialessandria.it