(ACCENDI L’AUDIO E ASCOLTA IL VIDEOSERVIZIO)

Hanno scavato per oltre 24 ore in metri di fango con l’aiuto dei cani fino a scongiurare ogni dubbio: i Vigili del fuoco hanno escluso la possibilità che persone siano state coinvolte nel crollo del viadotto della A6. Poteva essere tragedia, così come 15 mesi fa è stato per il crollo del ponte Morandi in Val Polcevera.

S’indaga per disastro colposo

La procura di Savona aperto un fascicolo contro ignoti. Il procuratore annuncia tempi rapidissimi: accertamenti riguarderanno la struttura e tutto ciò che c’era intorno.

Ingegneri e geologi nominati dalla Protezione Civile stanno valutando la possibile apertura del viadotto non coinvolto dalla frana (è stato costruito una ventina d’anni dopo).

Crollo viadotto A6 “imprevedibile”?

Si è trattato comunque di un evento imprevedibile: la zona era considerata a rischio basso-moderato così come sono tanti altri versanti.

A breve riaprirà l’unica alternativa dell’autostrada la provinciale 29 bloccata da una delle oltre 50 frane che hanno colpito la zona.

Leggi anche:  Acqui-Ovada-Genova i treni da domani avranno 800 posti in più

Fino a quel momento non c’è collegamento fra Liguria e Piemonte.

LEGGI ANCHE: Torino-Savona, sopra il viadotto caduto ci sono altri 15mila metri cubi di fango

Torino-Savona, sopra il viadotto caduto ci sono altri 15mila metri cubi di fango